"Ti avverto, chiunque tu sia.
Oh, tu che desideri sondare gli Arcani della Natura,
se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi
non potrai trovarlo nemmeno fuori.
Se ignori le meraviglie della tua casa,
come pretendi di trovare altre meraviglie?
In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh, uomo conosci te stesso e conoscerai l'Universo degli Dei." Oracolo di Delfi

Questo blog non vuole convincere nessuno, non contiene la verità assoluta...
é solo un punto di vista, una collina, dalla quale ammirare il panorama: la collina non fornisce nuovi occhi per guardare, ma solo un punto sopraelevato, diverso dal solito, dal quale guardare il panorama con i propri occhi!
Grazie a chiunque vorrà lasciare un commento!

giovedì 21 gennaio 2010

La ruota del criceto...

Ho ricevuto questo commento a proposito del blog:

“Che dire, mi compiaccio con te in merito alla ricerca e l'impegno che metti nella strada della conoscenza. Bellissimi i vari aforismi che hai raccolto. Uno in particolare mi è molto caro: "E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio" di Albert Einstein. Questa è una perla di saggezza fondamentale! Non essere così critico nel confronti della "massa" infondo siamo tutti uguali nel senso che spesso ciò che ci manca è il poter esperire determinate esperienze per poter conoscere se stessi e secondo me è questo il vero male. Per quanto riguarda l'esperimento che hai fatto con il riso, sono sicuro che gli effetti del trasmettere energia-pensiero siano relativi al grado di evoluzione del "mandante" in ambo i sensi. L'esperimento si può fare anche con le piante. La gente è stufa però di dover sopperire ai mille mali del mondo ed è difficile mettere il naso fuori quando tutte le energie sono concentrate per il bene dei propri cari. La famiglia è un bene prezioso, ma secondo te in quanti vorrebbero ripetere un esperimento di mummificazione naturale del riso in fronte agli impegni quotidiani? Il mutuo, l'affitto, il lavoro, la salute, i figli, l'età. Il tempo è così fugace e la priorità la si dà sempre alle solite cose. Allora alla luce di tutto questo in cosa possono sperare le migliaia di persone che faticano duramente ad arrivare a fine mese, magari con 400 euro di pensione? Dagli una risposta adeguata che non sia riferita alla marca di uno shampoo. Apprezzo il tuo lavoro ma sinceramente mi sa tanto della solita cantilena tanto decantata dai vari gruppi newage che fino ad oggi, nulla ma proprio nulla hanno saputo costruire.”

Penso che sia il pensiero di molti e quindi credo sia giusto dare una risposta visibile a tutti.


“ Non essere così critico nel confronti della "massa" in fondo siamo tutti uguali nel senso che spesso ciò che ci manca è il poter esperire determinate esperienze per poter conoscere se stessi e secondo me è questo il vero male”

Certo che siamo tutti uguali, quando parlo della massa non intendo un grande gruppo di persone diverse da me: la massa è composta da persone come me. Quando parlo della massa, non intendo parlare male delle persone che la compongono, non parlo male di quello che sono, ma di quello che credono di essere, parlo male di ciò che la massa viene indotta a pensare...

“La gente è stufa però di dover sopperire ai mille mali del mondo ed è difficile mettere il naso fuori quando tutte le energie sono concentrate per il bene dei propri cari. La famiglia è un bene prezioso, ma secondo te in quanti vorrebbero ripetere un esperimento di mummificazione naturale del riso in fronte agli impegni quotidiani?”

Questo è verissimo, apparentemente di fronte ai problemi quotidiani di ogni famiglia, alcuni problemi descritti in questo blog possono sembrare secondari...
Questo blog ha come titolo “VISIONE GLOBALE” cerco cioè
di parlare di cose insolite, di fare vedere le cose da un punto di vista nuovo.. Sono convinto che una vera visone globale sia la soluzione a tanti problemi, sono convinto che fino a quando cercheremo di risolvere i nostri problemi con una visione ristretta, affrontandoli come sono sempre stati affrontati , senza vedere al di là del problema, rimarremo imprigionati in un tunnel dove per un problema che si risolve due nuovi nascono...
L'esperimento del riso non è certo una cosa utile da ripetere in tutte le case, non risolve nessun problema... Ma dimostra che forse la realtà può essere affrontata anche in modo diverso.. Dimostra che esistono possibilità che vanno al di là di quelle normalmente conosciute e accettate.. L'intento principale di quell'esperimento è coadiuvare tutti gli altri post con un qualcosa di tangibile, qualcosa che possa fare riflettere anche lo scettico più incallito...

“Il mutuo, l'affitto, il lavoro, la salute, i figli, l'età. Il tempo è così fugace e la priorità la si dà sempre alle solite cose. Allora alla luce di tutto questo in cosa possono sperare le migliaia di persone che faticano duramente ad arrivare a fine mese, magari con 400 euro di pensione? Dagli una risposta adeguata che non sia riferita alla marca di uno shampoo.”

Questo è vero, siamo tutti concentrati sulle solite cose, e spesso è anche una questione di forza maggiore: non è facile arrivare a fine mese con soli 400€ di pensione o di cassa integrazione...
Non siamo molto diversi da un criceto che corre sulla sua ruota, ce la mettiamo tutta per andare avanti
e crediamo che sia l'unica via; crediamo che l'unica possibilità che abbiamo sia di continuare a correre, e quando qualcosa tenta di farci rallentare per poter così accorgerci che siamo su una ruota, gli chiediamo di smettere di distrarci, gli diciamo che se vuole veramente aiutarci deve trovarci un modo più agevole per correre o correre insieme a noi...Certo, rallentare, correre più piano su quella ruota, può sembrare controproducente, ma è l'unico modo per accorgersi della sua esistenza e quindi scendere... Scesi dalla ruota vengono abbattuti i problemi, non è più così difficoltoso provare ad andare avanti...

Questo blog offre uno spunto per rallentare quella ruota e per accorgersi della sua esistenza: chi scrive non è sceso dalla ruota, ma è convinto che con più persone si accorgeranno della ruota e più sarà facile per tutti scendere da essa: con più quella ruota rallenta e con più sarà facile scendere...

Esistono un sacco di siti, libri, associazioni, terapie che hanno lo scopo di aiutare nella corsa su questa ruota, che offrono soluzioni più o meno efficaci per arrivare a fine mese...
Ognuna di queste iniziative è lodevole, merita rispetto e stima ma rimane comunque limitata, offre un modo per correre meglio su questa ruota...
Questo blog ha l'intento di allargare la visuale, mira a vedere la ruota e a trovare la soluzione per poter scendere: scendere dalla ruota è la madre di tutte le soluzioni, è il fulcro, è andare alla causa intima di ogni problema e renderla inefficace...
Certo può sembrare un intento molto ambizioso ma in realtà è ciò a cui ognuno di noi anela, è ciò che ognuno di noi ha chiaro nel suo intimo più profondo...

“Apprezzo il tuo lavoro ma sinceramente mi sa tanto della solita cantilena tanto decantata dai vari gruppi newage che fino ad oggi, nulla ma proprio nulla hanno saputo costruire.”

Al momento questa affermazione sembra rispecchiare la realtà, in effetti questo blog è pieno di parole e povero di fatti come tanti altri siti, libri etc.
In questo blog non c'è e non ci sarà la ricetta per cambiare la propria vita, non ci cono promesse, propaganda di un credo, non è un movimento al quale aderire sperando che qualche leader ci dica cosa dobbiamo fare per vivere meglio, ci dica la verità...
Questo blog vuole fare vedere cosa è nascosto, vuole far notare quanto le nostre credenze si basino su fondamenta fragili, vuole fare riflettere sulla realtà di ogni giorno, in modo da accorgerci sempre meglio della manipolazione di cui siamo vittime, in modo da allargare sempre più la nostra visione fino ad accorgerci che la realtà cui siamo abituati è una deformazione della vera realtà; fino ad accorgerci che quello che abbiamo sempre pensato di essere non è vero, in modo da vedere i limiti che ci autoponiamo e imparare a toglierli...
Leggere tutte queste cose non serve a nulla però se non le si sente intimamente, tutti i post in questo blog hanno l'obbiettivo di dare un input, solleticare le menti di chi legge, in modo che possa vedere con i suoi occhi quello che è ovvio, quello che il suo cuore già sa...
Quando parlo di visione globale, parlo di un qualcosa di indescrivibile tanto è vasto, è una cosa che sento e vedo sempre di più in ogni cosa, in ogni avvenimento, con questo blog vorrei dare a tutti la possibilità di osservare il mondo dalla mia prospettiva e trarre poi le proprie conclusioni.

Le cose scritte in questo blog fanno parte di me e non sono quindi necessariamente da considerarsi giuste, da un punto di vista globale, prese cioè tutte insieme, assumono il loro significato ma forse per alcuni prese singolarmente potranno sembrare cavolate: questa è una delle difficoltà che si incontra nell'intento di trasmettere un punto di vista molto ampio...

Concludendo in questo blog non troverete pillole magiche per ribaltare la vostra realtà e risolvere ogni tipo di problema, ma troverete dei piccoli fori che vi aiuteranno a vedere al di là del muro della realtà, al di là del muro dei nostri problemi... Ma solo insieme potremo abbattere quel muro e accedere alla nostra vera essenza...

Cominciare sembra una perdita di tempo, abbiamo tantissime altre cose da fare più importanti, ma è cominciando che ci accorgiamo che quelle cose così importanti non fanno altro che alimentare i nostri problemi, nascondendo sempre più la ruota su cui stiamo correndo...

10 commenti:

Dave ha detto...

Mi ritrovo a commentare il tuo ultimo post dopo aver appena letto il seguente:
http://www.disinformazione.it/piccolo_gesto.htm

E quindi mi chiedo, perchè per la gente è sempre necessaria una guida, un leader, un capo che indichi la strada da seguire, giusta o sbagliata che sia?
Può darsi che le donne cerchino la figura maschile di potere e/o carismatica... ma gli uomini cosa cercano???
Se il pensare come risolvere i propri problemi appare noioso o fastidioso, xchè dare sempre la colpa agli altri?
Perchè incolpare delle magagne quotidiane il solito politico di turno o il vicino di casa o chennesò i colleghi o gli amici?
Chi commenta dice "dagli una risposta adeguata che non sia riferita alla marca di uno shampoo".... mi chiedo cosa debba dare ora Amos... la luna??
Guai a prendersi le proprie responsabilità, guai fare mea culpa, non sia mai che si faccia la figura dei pirla una volta in più di chi ci sta a fianco durante una vita
(vero anche che la colpa è come una donna brutta...), guai a cercare di informarsi a fondo e farsi un'idea propria, prima di pretendere la verità gratis da chi ha perso tempo o denaro (o entrambi ^^) nel cercarla!!
Bella la società dell'individualità, dell'IO a tutti i costi, del tutto e subito... bello anke giocare a scaricabarile quando c'è la crisi non è vero?
Forse, dico forse, essere responsabile attivo della propria vita e delle proprie azioni non è tanto difficile come sembra, basterebbe volerlo...
Ma se non lo si può / vuol fare, lo si ammetta chiaramente senza vergogna e con umiltà, magari può capitare che così facendo chi ha qualche buon consiglio da dare sarà + invogliato a suggerirlo se lo si vuole ascoltare, non vi pare? Nessuno di noi è perfetto; chi ha pregi/difetti in un ambito, chi in un altro, basterebbe l'aiutarsi a vicenda...
Io stesso ammetto di essermi da sempre interessato meno a materie pratiche preferendo tematiche sociali e politiche (non so cosa avrei dato xchè fin da piccolo qualcuno mi spiegasse tutto quello che conosco solo ora!) ma se invece alla stragrande maggioranza delle persone queste tematiche astratte e ideologiche non sono mai interessate, è poi cosa vana che questa gente si lamenti della società in cui vive.
Io dico che unendo "piccoli gesti" come quello la nostra vita può davvero cambiare in meglio ma se siamo egoisti o seguiamo il detto .... --arriva prima perche' e' asfaltata :) ... poi non si dia la colpa al prossimo (o a chi se ne interessa più di noi). Di certo il web rimane un ottimo mezzo x diffondere info e confrontarle imparando a rendersi utili nella vita reale, chiaro che occorre sfruttarle nel modo giusto... la tv non essendo così interattiva oramai ha perso il confronto.

Dave ha detto...

il detto era: chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma nn sa quel che trova. Era tra virgolette e il blog nn l'ha letto.
ciao Amos :)

Amos B ha detto...

Grazie Dave per il commento...
Quella che descrivi è ciò che tanti chiamano la "mentalità da pecora"...
Siamo troppo abituati a cercare all'esterno le soluzioni dei nostri problemi, e non ci accorgiamo che la soluzione di molti problemi la possiamo trovare solo all'interno, dentro noi stessi...
Purtroppo in tanti si fanno una idea delle cose, del mondo che li circonda, deformata dalla televisione, dalle notizie dei giornali, dai pregiudizi: in pochi si interessano dei fatti in maniera globale, la maggioranza si ferma a quello che legge sui giornali e vede in televisione, E' PIù COMODO! E questo chi comanda lo sà bene... Chi parla di cospirazioni, di NWO viene dalla maggioranza visto come un visionario, un estremista etc. Questo perchè la maggioranza non ha approfondito determinate tematiche, non è venuta a contatto con determinate notizie, non ha visto le cose, gli avvenimenti in modo più globale..

In ogni caso però tutta la conoscenza che si può accumulare sulle cospirazioni, sul NWO etc non serve a nulla se poi non è il trampolino di lancio per allargare in maniera ancora più estesa la nostra visione: la conoscenza di tutti i dati, le notizie nascoste (vedi post dati prove dimostrazioni), servono solo a coadiuvare il nostro percorso, a scuotere il dormiente: non sono un punto di arrivo ma un punto di partenza, alla scoperta di quello che siamo veramente e che per troppo tempo ci è stato nascosto!

Alice ha detto...

"In ogni caso però tutta la conoscenza che si può accumulare sulle cospirazioni,
sul NWO etc non serve a nulla se poi non è il trampolino di lancio per allargare
in maniera ancora più estesa la nostra visione: la conoscenza di tutti i dati, le
notizie nascoste (vedi post dati prove dimostrazioni), servono solo a coadiuvare
il nostro percorso, a scuotere il dormiente: non sono un punto di arrivo ma un
punto di partenza, alla scoperta di quello che siamo veramente e che per troppo
tempo ci è stato nascosto!"

Quoto quello che hai scritto qua perchè sia chiaro a tutti i lettori del tuo
blog che il tuo intento di conoscere le dietrologie scomode agli
avvenimenti che ci circondano, NON è un semplice modo per passarsi il
tempo...nè un'opera da certosino maniaco e autolesionista che si esalta
nel grattare la superficie marcia di un mondo ancor più marcio...giusto
per il piacere di conoscere cose che altri non sanno.
In realtà, il conoscere a fondo questi intrighi meschini cui siamo
assoggettati NON serve a nulla...
...Se non a far nascere in noi alcuni dubbi circa l'esistenza intera i
quali, poi, si dovrebbero riportare ad un unico enorme dubbio che li
riassume tutti quanti: La REALTà, PER COME LA PERCEPIAMO E VIVIAMO E'
EFFETTIVAMENTE QUELLA PIù CONSONA E NATURALE A NOI STESSI?
LA REALTà CHE VIVIAMO è VERA REALTà O UNA FARSA MOLTO LIMITATA
E LIMITANTE DI ESSA?
E...noi, è proprio vero che non possiamo fare nulla per modificare
questa realtà, sempre se essa è sul serio distorta come dico sopra?

Il bisogno di cercare il bandolo nella matassa della realtà apparente
che ci circonda penso nasca da un profondo disagio interiore...non so,
tipo una sensazione indefinita e viscerale che ad ogni cosa che vedi,
senti, o percepisci ti grida dal profondo del cuore: "ehi, non trovi ci
sia qualcosa di profondamente sbagliato e assurdo, in tutto ciò?"

E tu, di fronte a questa sensazione che puoi fare?
Ignorarla, a volte...oppure, se quella è così forte da non darti più tregua puoi
provare ad indagare oltre i fatti che ti vengono presentati come verità, per
vedere se effettivamente dietro ad essi non si nasconda qualcosa di diverso; puoi
fare la stessa cosa provando ad indagare le motivazioni che spingono le persone a
comportarsi in un certo modo, l'entità dei sentimenti che muovono le loro reazioni,
gli antichi fantasmi che hanno fatto di un amico ciò che egli è ora...
puoi fare tutto questo...ed è molto istruttivo farlo, sempre se non diventa scopo
finale della tua ricerca...
Tutto questo NON SARA' il fine del tuo percorso di scoperta...la sensazione di disagio,
resterà ancora lì dietro le tue spalle a ghignare divertita al tuo indirizzo...
Bisognerebbe "mettere in pratica", come dice il ragazzo che ti ha lasciato il commento qua sopra...

Alice ha detto...

E' vero: sacrosante parole.
Ma penso che proprio per arrivare a mettere in pratica queste idee, ci voglia un qualcosa
che, appunto le idee, non possono dare...
Però, ciò non toglie che queste idee, quando nascono da una visione veramente globale e
non rabbiosa del tutto, possano fungere da "catalizzatori" per aprire maggiormente il
tuo "io interiore" alla consapevolezza che quel cambiamento che cerchi non solo è possibile,
bensì totalmente naturale e quasi logico...
Potrei paragonarle, le idee, allo strumento o libro di magia in un rituale magico...il libro e la
candela, il pentacolo o simili, non sono altro che mezzi per raggiungere un obiettivo, mezzi che
forse non sarebbero realmente necessari, ma che possono aiutare la persona ad immedesimarsi
nel suo obiettivo e a potenziare il suo intento...a dargli come una prova tangibile cui attaccarsi
maggiormente per rendere più potente la sua convinzione di riuscita.
Gli antichi egizi, quando un faraone moriva, solevano prticare il rituale di "APERTURA DEGLI OCCHI",
oltre che della bocca sulla sua mummia, per permettere alla sua anima di "vedere" e parlare nell'aldilà.
Beh, penso che sia significativa, questa cosa...mi viene da pensare che per accedere al "potere interiore",
che qui è raffigurato come l'aldilà, bisogna prima avere occhi aperti e consapevoli...

Credo fermamente che il vero strumento che sia in grado di operare un cambiamento della realtà sia
il nostro CUORE, ma noi, essendo esseri totalemente soggiogati dalla logica e dal pensiero, per aprire
gli occhi abbiamo, spesso e volentieri, bisogno di filtrare ciò che percepiamo attraverso la nostra razionalità
e le nostre idee...
E' per questo, credo, che tutte queste belle idee sul blog, per ora restano solo tali...
Ma penso lo stesso che, nella loro limitatezza, queste idee possano già fare tanto per portare colui
che le sente sue un po' più vicino alla consapevolezza...
L'idea è solo l'inizio di un viaggio ben più lungo e meraviglioso, ma se ha il potere di dare qualche risposta
a quel disagio interiore di cui parlavo prima, allora penso che la strada imboccata sia perfetta!
ciaoo

Dave ha detto...

Per semplificare quel che volevo dire nel 1mo commento, vi posto IL CONTRATTO del 2003.

"Che ne sarà di noi?" Sarà come vogliamo che sia, con la nostra volontà esplicita o accondiscendente della nostra inerzia!
Noi che facciamo parte della "civiltà occidentale" abbiamo tutta la responsabilità di ciò che permettiamo accada nel mondo!
Abbiamo firmato un contratto, perchè il sistema messo in moto nel nostro mondo "libero" si basa sul tacito accordo di un contratto con ciascuno di noi, e noi lo abbiamo accettato!
1. IO Accetto la competitività come base del nostro sistema, anche se mi rendo conto che questa operazione genera frustazione e rabbia alla maggior parte dei perdenti.
2. Accetto di essere umiliato o sfruttato a condizione che mi permettano di umiliare o di sfruttare un altro che occupi un posto inferiore nella piramide sociale.
3. Accetto l'esclusione sociale degli emarginati, dei disadattati e dei deboli perchè considero che il peso che la società può accollarsi ha i suoi limiti.
4. Accetto di pagare le banche affinchè loro investano il mio stipendio secondo la loro convenienza e che non mi diano nessun dividendo dei loro giganteschi guadagni (guadagni che serviranno per aggredire i paesi poveri, fatto che accetto implicitamente). Accetto anche che mi si applichi un alto tasso d'interesse per prestarmi denaro.
Denaro che proviene esclusivamente da altri clienti.
5. Accetto di congelare o di buttare tonnellate di cibo così le borse non crollano, invece di offrirlo ai bisognosi e di permettere ad alcune centinaia di migliaia di persone di non morire di fame ogni anno.
6. Accetto che sia illegale mettere fine alla tua vita velocemente, invece tollero che si faccia lentamente inalando o ingerendo sostanze tossiche autorizzate dai governi.
7. Accetto che si faccia la guerra per far regnare la pace. Accetto che in nome della pace la prima spesa degli Stati sia per la difesa. Accetto che i conflitti siano creati
artificialmente perchè si disfino degli stock di armi e così permettere all'economia mondiale di continuare a crescere.
8. Accetto l'egemonia del petrolio nella nostra economia anche se è un'energia molto costosa ed inquinante e sono d'accordo d'impedire qualsiasi intento di sostituzione se si svelasse che abbiamo scoperto un mezzo gratuito e illimitato di produrre energia. Accetto che sarebbe la nostra perdizione.
9. Accetto che si condanni l'assassinio di un altro umano, a meno che i governi decidano che è un nemico e mi spingano ad ucciderlo!
10. Accetto che si divida l'opinione pubblica creando partiti di destra e di sinistra che avranno come passatempo la lotta tra di loro facendomi credere che il sistema sta andando avanti, inoltre accetto ogni tipo di divisione possibile purchè quelle divisioni mi permettano di focalizzare la mia rabbia sui nemici stabiliti quando si sbandierano le loro foto davanti ai miei occhi.
11. Accetto che il potere di costruire l'opinione pubblica, prima ostentato dai religiosi, sia oggi nelle mani di uomini d'affari non eletti democraticamente totalmente liberi di controllare gli Stati perchè sono convinto del buon uso che ne faranno.
12. Accetto che l'idea della felicità si riduca alla comodità; l'amore al sesso, la libertà alla soddisfazione di tutti i desideri, perchè è quello che la pubblicità ripete ogni giorno, quanto più infelice sono più consumo. Compirò il mio dovere contribuendo al buon funzionamento della nostra economia.
13. Accetto che il valore di una persona sia proporzionale al suo conto corrente, che si apprezzi la sua utilità in funzione della sua produttività e non delle sue qualità e che sia escluso dal sistema se non produce sufficientemente.
14. Accetto che siano ricompensati abbondantemente i giocatori di calcio e gli attori e molto meno gli insegnanti e i medici incaricati dell'educazione e della salute delle future generazioni.

Dave ha detto...

(continua..) 15. Accetto di escludere dalla società gli anziani la cui esperienza potrebbe servirci ma siccome siamo la civiltà più evoluta del pianeta (e senza dubbio dell'universo) sappiamo che l'esperienza nè si condivide nè si trasmette.
16. Accetto che mi presentino notizie negative e spaventose del mondo ogni giorno, in modo da poter apprezzare fino a che punto la nostra situazione è normale e quanto sono fortunato a vivere in Occidente. So che mantenere la paura nei nostri spiriti può essere solo un beneficio per noi.
17. Accetto che gli industriali, militari e capi di Stato si riuniscano regolarmente, senza consultarci, per prendere decisioni che compromettano il futuro del pianeta e della
vita del pianeta...della vita e il pianeta.
18. Accetto di consumare carne bovina trattata con ormoni senza che me lo dicano esplicitamente. Accetto che le colture di OGM si propaghino in tutto il mondo permettendo così alle multinazionali agroalimentari di brevettare esseri viventi e conservare guadagni considerevoli ed avere sotto controllo l'agricoltura mondiale.
19. Accetto che le banche internazionali prestino denaro ai paesi che vogliono armarsi e combattere e così scegliere quelli che faranno la guerra e quelli che non la faranno.
So che è meglio finanziare entrambe le parti, per essere sicuri di fare soldi e di prolungare i conflitti più a lungo possibile, al fine di rubare completamente le loro risorse se non riescono a pagare i loro debiti.
20. Accetto che le multinazionali si astengano dall'applicare i progressi sociali dell'Occidente ai paesi poveri, considerando che per loro è già una fortuna se li fanno lavorare. Preferisco che si utilizzino le leggi vigenti in questi paesi che permettono di fare lavorare i bambini in condizioni disumane e precarie. Nel nome dei diritti umani e del cittadino, non abbiamo nessun diritto d'intrometterci.
21. Sono d'accordo sul fatto che i politici possano essere di dubbia onestà e talvolta anche corrotti. Credo che questo sia normale, data la forte pressione che devono affrontare. Per gli altri si deve applicare tolleranza zero.
22. Accetto che i laboratori farmaceutici e gli industriali agroalimentari vendano nei paesi poveri prodotti scaduti o utilizzino sostanze cancerogene vietate in Occidente.
23. Accetto che il resto del pianeta, cioè 4000 milioni di individui, possano pensarla diversamente a condizione che non vengano a esprimere il loro credo a casa nostra, e meno ancora a cercare di spiegare la nostra Storia con le loro nozioni filosofiche primitive.
24. Accetto l'idea che esistano solo 2 possibilità in natura, cioè: cacciare o essere cacciati; e se siamo dotati di una coscienza e di un linguaggio, certamente non è per sfuggire a questa dualità, ma per giustificare il perchè agiamo in quel modo.
25. Accetto di considerare il nostro passato come una continuazione ininterrotta di conflitti di cospirazioni politiche e di volontà egemoniche, ma so che tutto questo non
esiste più perchè siamo all'apice della nostra evoluzione, e perchè le regole che governano il nostro mondo sono la ricerca della felicità e della libertà per tutti i popoli, come
ascoltiamo continuamente nei discorsi dei nostri politici.
26. Accetto senza discutere e considero come verità tutte le teorie proposte per spiegare i misteri delle nostre origini. E accetto che la natura abbia potuto dedicare milioni di anni per creare un essere umano il cui unico passatempo è la distruzione in pochi istanti della sua stessa specie. (continua..)

Dave ha detto...

27. Accetto la ricerca del profitto come fine supremo dell'Umanità e l'accumulo di ricchezza come realizzazione della vita umana.
28. Accetto la distruzione dei boschi, l'estinzione dei pesci nei fiumi e nei nostri oceani. Accetto l'aumento dell'inquinamento industriale e la dispersione di veleni chimici ed elementi radioattivi nella natura. Accetto l'uso di ogni tipo di additivo chimico nella mia alimentazione perchè sono convinto che se vengono aggiunti è perchè sono utili ed innocui.
29. Accetto la guerra economica che agisce esclusivamente sul pianeta, anche se ritengo che ci porta verso una catastrofe senza precedenti.
30. Accetto questa situazione, e credo che non posso fare nulla per cambiarla o migliorarla.
31. Accetto di essere trattato come bestiame perchè penso di non valere di più.
32. ACCETTO DI NON FARE NESSUNA DOMANDA, DI CHIUDERE GLI OCCHI SU TUTTO QUESTO E DI NON FARE NESSUNA VERA OPPOSIZIONE PERCHE' SONO TROPPO IMPEGNATO CON LA MIA VITA E PREOCCUPAZIONI. ACCETTO ANCHE DI DIFENDERE A MORTE QUESTO CONTRATTO SE LEI ME LO CHIEDE...
33. ACCETTO QUINDI, NELLA MIA ANIMA E COSCIENZA E DEFINITIVAMENTE QUESTA TRISTE MATRICE CHE LEI PONE DI FRONTE AI MIEI OCCHI E DI ASTENERMI DAL VEDERE LA REALTA' DELLE COSE.
.............Qualcuno può dire di NON aver accettato tutto questo???
[http://www.youtube.com/watch?v=J4p0edCMhdA&feature=player_embedded]
(da un'Anonimo per ricordare i tristi eventi dell'11 settembre)

Amos, allarga la tua visione... scopri la Matrix, scopri chi sei veramente e che per troppo tempo ti è stato nascosto :)

Amos B ha detto...

Aggiungerei anche:
- Accetto di considerare possibile solo ciò che mi è stato insegnato;
- accetto di considerare vero solo ciò che vedo e tocco, ripudio l'idea che esistano possibilità che vanno al di là della ragione, al di là del materiale...

Dave ha detto...

http://www.ilpost.it/filippofacci/2010/07/24/criceti-nella-ruota/

Questo post mi ha ricordato il tuo a proposito del criceto. As usual, il WHO decide x noi...
Saluti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...